La pinzatrice: come individuare il Miglior Acquisto per noi

Pinzatrice, cucitrice, spillatrice… con diversi nomi indichiamo spesso lo stesso oggetto! A casa come in ufficio, la pinzatrice è uno strumento che facilita l’archiviazione dei documenti.

Fermare assieme un ordine con il relativo documento di trasporto, una bolletta con il rispettivo bollettino postale, uno scontrino con il libretto di garanzia dell’elettrodomestico nuovo, tutte le pagine di una tesina… Gli esempi che dimostrano quanto sia importante tenere assieme fogli diversi senza il rischio che qualcuno di questi vada perso potrebbero essere molti.

Sul mercato, però, esistono decine e decine di pinzatrici: basta vedere la varietà di tipologie e modelli presenti sul nostro Shop online per farsene un’idea. Come scegliere quella che fa al caso nostro, allora? Ecco una piccola guida per individuare il Miglior Acquisto che possiate fare.

Per cominciare: ma si chiamano tutte “pinzatrice”?

La risposta è “diciamo di sì”. Nel gergo comune, infatti, non è insolito sentire chiamare tutti gli oggetti delle le categorie che avete visto nel link precedente con il termine “pinzatrice”, perché di fatto è uno strumento che “pinza insieme” i fogli. In realtà, il nome “generico” corretto è solo cucitrice (o spillatrice, eventualmente)!

La pinzatrice per antonomasia: la cucitrice a pinza

La pinzatrice per antonomasia: quella manuale. In foto, la celebre Zenith 548/E, in una versione "patriottica" (codice prodotto: 399809).

La pinzatrice per antonomasia: quella manuale. In foto, la celebre Zenith 548/E, in una versione “patriottica” (codice prodotto: 399809).

La pinzatrice, tecnicamente, è solo quella “classica”, la più comune e conosciuta, il cui nome completo è pinzatrice manualecucitrice a pinza. Il motivo è facilmente intuibile: il meccanismo che ne permette il funzionamento è di fatto quello di una pinza. Le cucitrici a pinza fanno parte della dotazione personale di base di qualunque impiegato; variano per forma, colore e materiale, ma la caratteristica più importante da considerare è la capacità di cucitura. La capacità di cucitura corrisponde alla quantità di fogli (con grammatura 80 g/mq) che una cucitrice riesce a fermare con un singolo punto metallico. Spesso, pinzatrici più graziose che funzionali si inceppano non appena si prova a fermare assieme più di una dozzina di fogli. Se l’uso che prevedete di fare della vostra pinzatrice manuale si limita al fermare assieme un paio di pagine per volta, potrete tralasciare di considerare questa variabile. Se invece, per lavoro o per diletto, vi capita spesso di dover unire più di 15 fogli per volta, dovrete prestare molta attenzione a questo dettaglio tecnico.

La cucitrice da tavolo

Cucitrice da tavolo ibrida: tecnicamente non è a braccio lungo, ma la sua struttura consente comunque di pinzare i fogli ad elevata profondità (codice prodotto: 56229X).

Cucitrice da tavolo ibrida: tecnicamente non è a braccio lungo, ma la sua struttura consente comunque di pinzare i fogli ad elevata profondità (codice prodotto: 56229X).

Come si evince dal nome, questa tipologia di pinzatrice va utilizzata tenendola appoggiata sul piano di lavoro; per azionarla è necessario applicare una pressione con la mano sul braccio mobile. È ovviamente meno “portatile” e maneggevole della pinzatrice manuale, ma consente di fermare assieme anche quantità maggiori di fogli.

Nella famiglia delle cucitrici da tavolo rientrano le cucitrici a braccio lungo e le cucitrici per alti spessori. Le cucitrici a braccio lungo consentono di pinzare i fogli in posizione più profonda; è il prodotto che fa al caso vostro se vi capita di dover realizzare anche fascicoli e libretti. Le cucitrici per alti spessori, com’è facilmente intuibile, consentono di fermare con un punto unico molti più fogli (alcuni modelli arrivano anche a più di 150 pagine!).

La cucitrice elettrica

Cucitrice elettrica con led "segna-punto" (codice prodotto: 296888).

Cucitrice elettrica con led “segna-punto” (codice prodotto: 296888).

Poteva mancare una soluzione per i pigroni? Non è vero, stavamo solo scherzando: non è progettata per gli scansafatiche! Le cucitrici elettriche (che funzionano a batteria oppure a corrente) sono strumenti professionali che consentono di pinzare fogli molto velocemente; alcuni modelli inoltre sono dotati di un led che indica la posizione dove verrà pinzato il punto. Anche in questa famiglia di cucitrici bisogna prestare attenzione alla capacità di cucitura.

I prodotti complementari

A prescindere dal tipo di cucitrice che deciderete di acquistare, vi serviranno due prodotti complementari. Il primo è il cosiddetto “consumabile” dello strumento, ovverosia i punti metallici; il secondo è il levapunti.

Le cucitrici manuali utilizzano i cosiddetti punti universali (del tipo Zenith 130/E o Rapid 21/4); ci sono poi ovviamente i punti specifici per gli alti spessori. In ogni caso è bene controllare quali specifici punti la nostra cucitrice monti, per evitare inceppamenti e malfunzionamenti.

Il levapunti è la pinza metallica che permette di aprire le “ali” ripiegate del punto senza farsi male né strappare il foglio. È utile sia in caso di pinzature errate sia nel momento in cui si debbano buttare dei documenti. Per la raccolta differenziata, infatti, è opportuno separare carta e metallo; se invece disponiamo di una macchina distruggidocumenti, va ricordato che non tutte sono progettate per la “digestione” dei punti metallici.

La pinzatrice: come individuare il Miglior Acquisto per le nostre esigenze ultima modifica: 2017-01-17T13:34:57+00:00 da Eurocart Staff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.